COMUNICATO DEL 02.03.2020

Con riferimento alle precedenti comunicazioni del 24 e 26 febbraio u.s., ferma la circostanza che è necessario proseguire nell’adozione di misure di prevenzione allo scopo di contrastare in modo efficace il diffondersi del virus COVID‐19, e richiamando al rispetto delle ulteriori disposizioni emanate con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (DPCM) in data 1° marzo 2020, si confermano le seguenti misure da considerare vincolanti sino all’8 marzo 2020 e, comunque, sino a nuovo avviso:

interruzione d’incontri e riunioni presso gli Uffici della Sede centrale; in alternativa saranno utilizzate modalità di collegamento da remoto; sospensione cautelare di tutti i corsi e le attività didattiche facenti capo agli Organi tecnici e alle strutture operative, oltre ad assemblee, riunioni, gite, escursioni, etc. nelle Regioni, Province e Comuni di cui agli allegati 1, 2 e 3 del citato DPCM, e precisamente:

Comuni della Regione Lombardia: Bertonico, Casalpusterlengo, Castelgerundo, Castiglione d’Adda, Codogno, Fombio, Maleo, San Fiorano, Somaglia, Terranova dei Passerini;

Comuni della Regione Veneto: Vò;

Regioni: Emilia‐Romagna, Lombardia, Veneto.

Province: Bergamo, Cremona, Lodi, Pesaro e Urbino, Piacenza, Savona.

Tuttavia, poiché quel che le disposizioni, emanate con il DPCM 01.03.2020, mirano ad evitare è proprio il contagio dal virus COVID‐19, si ritiene che, in questa fase, la prudenza in un’Associazione è da considerarsi doverosa, anche sul restante territorio del Paese. Per qualsiasi esigenza di informazione su quanto sopra disposto si invita a contattare la Direzione (e‐mail: direzione@cai.it – tel. 02‐205723221). Costanti aggiornamenti sono disponibili sul sito del Ministero della Salute al seguente indirizzo: http://www.salute.gov.it/nuovocoronavirus Si invita, inoltre, a consultare gli aggiornamenti disponibili sui siti delle singole Regioni italiane.

Milano, 1° marzo 2020

Il Direttore Andreina Maggiore

Il Presidente generale Vincenzo Torti